Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_top position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_bottom position below the menu.

Home

SOCIETA'

SQUADRE

CAMPIONATI

NEWS

MEDIA

CONTATTI

Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_bottom position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_top position below the search.
News Serie A

PROGRAMMA ALLENAMENTI SETTIMANALI

PRIMA SQUADRA PRIMAVERA ALLIEVE ESORDIENTI
Allenamenti:
lunedì - martedì - mercoledì - giovedì (18-20)
Allenamenti:
martedì - giovedì (18,30 - 20)
Allenamenti:
mercoledì - venerdì (17,30 - 19,30)
Allenamenti:
martedì - giovedì (17,30 - 19,00)
Campo comunale via Aldo Moro - Mozzanica Campo comunale via Aldo Moro - Mozzanica Campo comunale via Aldo Moro - Mozzanica  Campo Ripalta Guerina
Partite: sabato (orario federale) Partite: domenica (orario federale) Partite: domenica (10,00) Partite: sabato (15,00) Mozzanica
PROGRAMMA ALLENAMENTI

 

Con la finale di coppa Italia giocatasi ieri alle 18.00 a Noceto (PR) e con sgli scontri finali di oggi pomeriggio tra Roma e Sassuolo e San Bonifacio e Bari si chiude infine la stagione calcistica 2017-'18. Un'annata che verrà ricordata per l'epico duello tra la nuova grande forza del torneo, la Juventus e il Brescia di patron Cesari. Ma se il titolo è stato assegnato ormai sette giorni addietro, ancora due sfide mancavano per assegnare gli ultimi verdetti del campionato. Il Bari, dopo aver conquistato il diritto a disputare il playout vincendo lo spareggio con il Ravenna, mantiene i galloni della serie A battendo il San Bonifacio per tre a uno. Più arduo è stato invece il compito del Sassuolo che resta anch'egli nella massima serie, battendo la Roma. I tre goal delle emiliane arrivano tutti nei supplementari, dopo che i primi 90' erano terminati a reti bianche. Il campionato 2018-'19 vedrà quindi ai nastri di partenza ancora neroverdi e pugliesi con Orobica e Florentia, promosse dalla cadetteria, mentre retrocedono Ravenna ed Empoli.

La Fiorentina riscatta un campionato sotto le proprie aspettative con la conquista della sua seconda coppa Italia consecutiva. Nella finale di Noceto, fatale al Brescia sono state le fatiche della sfida scudetto con la Juventus e della semifinale con il Tavagnacco, disputate rispettivamente sei e quattro giorni prima. Le viola hanno potuto invece preparare con più tranquillità la gara e in campo la differenza l'ha fatta sicuramente la miglior forma e lucidità delle ragazze di Sauro Fattori. La partita prende una piega tutta in salita per le rondinelle già nella prima frazione, chiusa con il parziale di tre reti a zero, grazie alle marcature di Mauro, Bonetti e Caccamo. Solo la magistrale punizione di Cristiana Girelli ad un quarto d'ora dalla fine regala un mezzo sorriso alle bresciane. 

La coppa dalle grandi orecchie (nella sua versione al femminile un po' più ristrette) va all'Olympique Lyonnais che supera le tedesche del Wolfsburg durante due incredibili supplementari al cardiopalma. A Kiev si gioca in pratica la riedizione della finale di Reggio Emilia del 2016 e di Londra 2013. Al Mapei Stadium solo i rigori consegnarono il trofeo alle francesi e il grande equilibrio dei 90' regolamentari faceva presagire ad un egual epilogo. Che la serata potesse volgere al negativo per le teutoniche lo si poteva presagire però già al 57', quando la squadra biancoverde perde l'islandese Gunnarsdottir, costretta ad abbandonare il terreno di gioco per infortunio. L'immortale Shult, con un grande intervento su Le Sommer, impediva alle transalpine di portarsi in vantaggio a dieci minuti dal termine e di fatto rimandava il discorso ai supplementari. Ma ecco che in pochi attimi tutto cambia e il grande spettacolo del gioco del calcio prende vita in un lampo. Penille Harder con un guizzo improvviso trova lo spiraglio e infila Bouhaddi, portando in vantaggio le tedesche, ma l'ingenua e nervosa Popp poco dopo si becca il secondo giallo e termina anzitempo la sua finale, lasciando le compagne in dieci. Con un uomo in più la strada si mette in discesa per le transalpine, grazie anche all'ingresso in campo dell'olandese Van de Sanden che si rivelerà decisiva, grazie alle sue sgroppate e i suoi assist (tutte cose già ammirate durante i recenti europei). Il Lione ribalta così il risultato grazie alle reti di Henry, Le Sommer, Hegerberg (per la norvegese c'è anche il titolo di capocannoniere del torneo con 15 goal) e Abily, quest'ultima entrata nei minuti finali, giusto in tempo per calare il poker. Le francesi vincono così per la quinta volta nella loro storia il trofeo più ambito dell'anno.

  • Orario operativo:

    Lunedì - Mercoledì - Venerdì
    dalle 19:00 alle 21:00

  • Indirizzo:

    Via Cavour, 4
    24050 Mozzanica (BG)
  • Telefono:

    0363-321282
  • Fax:

    0363-321282
  • Email:

    info@asdmozzanica.com

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.