Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_top position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_bottom position below the menu.

Home

SOCIETA'

SQUADRE

CAMPIONATI

NEWS

MEDIA

CONTATTI

Sample Sidebar Module

This is a sample module published to the sidebar_bottom position, using the -sidebar module class suffix. There is also a sidebar_top position below the search.
News Serie A

PROGRAMMA ALLENAMENTI SETTIMANALI

PRIMA SQUADRA PRIMAVERA ALLIEVE ESORDIENTI
Allenamenti:
lunedì - martedì - mercoledì - giovedì (18-20)
Allenamenti:
martedì - giovedì (18,30 - 20)
Allenamenti:
mercoledì - venerdì (17,30 - 19,30)
Allenamenti:
martedì - giovedì (17,30 - 19,00)
Campo comunale via Aldo Moro - Mozzanica Campo comunale via Aldo Moro - Mozzanica Campo comunale via Aldo Moro - Mozzanica  Campo Ripalta Guerina
Partite: sabato (orario federale) Partite: domenica (orario federale) Partite: domenica (10,00) Partite: sabato (15,00) Mozzanica
PROGRAMMA ALLENAMENTI

scarpellini-andreaLo sport è arte, se è vero che l’arte nelle sue mille sfaccettature regala forti emozioni e così è anche lo sport a tutti i suoi livelli. Sicuramente di questo avviso era il compianto Avvocato Gianni Agnelli che, non a caso, ribattezzò due giocatori di assoluta classe come Roberto Baggio e Alessandro Del Piero, con i soprannomi di Raffaello e Pinturicchio, ovvero due massimi esponenti del Rinascimento italiano. E poiché in fatto di n. 10 dalla classe sopraffina, il Mozzanica non è certo da meno, ecco che se Del Piero è Pinturicchio, Andrea Scarpellini non può che diventare Sandro Botticelli. Come l’illustre pittore fiorentino, anche la n. 10 biancoceleste disegna autentici capolavori, ma lo fa con la palla tra i piedi ogni sabato pomeriggio. Senza dimenticare che in quanto a bellezza, la nostra Andrea nulla ha da invidiare alla Venere che l’artista raffigurò mentre sorgeva dalle acque del Mediterraneo. A pochi istanti dall’inizio dell’allenamento del lunedì, inizia una piacevole chiacchierata con Andrea Scarpellini, la Botticelli del calcio femminile.

Perché l’Andrea bambina, decide di giocare a calcio?

Mi sono avvicinata al calcio sin da piccola perché entrambi i miei genitori sono appassionatissimi di questo Scarpe2sport. Anche mia mamma ha un passato da calciatrice, mentre mio papà oltre ad aver giocato, seguiva i bambini della squadra di calcio del mio paese, San Paolo d’Argon. Un giorno i miei mi portarono a vedere una partita di ragazzini e tra loro c’era una bambina. Allora ho pensato “Beh posso giocare anch’io allora!” e da lì ho iniziato. Sono partita con la scuola calcio di San Paolo e lì sono rimasta fino agli esordienti, giocando con i maschietti. In quella società c’era sia la squadra a 11 che a 7 e con quest’ultima ho vinto il campionato provinciale CSI. In quell’occasione mi vide Beppe Lussana che mi portò all’Almennese, quella che poi divenne Atalanta Femminile. Lì ho giocato per dieci anni, dove con la prima squadra abbiamo conquistato la promozione in serie A. Nella massima serie siamo state per quattro anni, poi dopo un’altra stagione nella serie cadetta, sono arrivata qui al Mozzanica. E’ il terzo anno per me in biancoceleste. Qui ho ritrovato molte giocatrici con le quali avevo giocato nell’Atalanta, tra cui Marianna Rota, Alessia Gritti, Giorgia Spinelli e da quest anno anche Penelope Riboldi e Valentina Giacinti, senza dimenticare mister Samantha Ceroni. Il primo anno non fu facile per me, poiché dopo una stagione in A2 avevo perso un po’ di smalto, ma fortunatamente poco per volta ho recuperato tutto quello che avevo perduto in precedenza.

Di tutte le giocatrici con le quali hai giocato, quale ti è rimasta più impressa?

Una delle più forti che ricordo è stata Gio Bonometti, che ha giocato con me qualche anno nell’Atalanta. Una giocatrice molto dotata, che ha fatto parte dell’Under 19 che vinse l’Europeo. Purtroppo ha smesso di giocare da qualche anno. Tra le mie attuali compagne dico Silvia Piva, che sta disputando un grandissimo campionato.

Immagine 815L’attuale stagione ha rappresentato forse una svolta per il Mozzanica. Come vedi il campionato fin qui giocato dalla squadra?

Confrontando questa stagione con quella passata, direi che stiamo facendo bene. Qualche punto qua e là lo abbiamo perso per strada, avremmo potuto sicuramente far meglio, ma credo che questa sia una buona squadra, che di passi avanti ne ha fatti, sia a livello di gioco che come gruppo. Personalmente, nella passata stagione, ho avuto qualche guaio fisico che mi ha condizionato negativamente, mentre quest anno sto bene e sono abbastanza soddisfatta del mio rendimento. Direi quindi una stagione positiva sotto molti punti di vista. C’è ancora della differenza tra noi e le prime della classe, ma si può dire che siamo riuscite ad assottigliare sensibilmente questa diversità di valori. Certo arrivare al loro livello non è facile, se pensiamo che queste squadre hanno la possibilità di fare quattro allenamenti a settimana, in orari pomeridiani, cosa che per il Mozzanica ora sarebbe impossibile, visto che molte di noi lavorano. Questo determina una differenza soprattutto a livello atletico: contro le prime ci troviamo spesso in difficoltà nell’ultimo quarto d’ora, dove loro hanno ancora benzina e noi siamo in riserva. Inoltre possiamo e dobbiamo migliorare sotto il punto di vista della mentalità. Noi quando subiamo un goal, fatichiamo a recuperare, mentre loro no, se anche partono in svantaggio prima o dopo si riportano avanti. Questo vuol dire avere la mentalità vincente. E la cosa si vede anche nel fatto che fatichiamo a finalizzare le occasioni che abbiamo, specialmente quando giochiamo con le grandi. 

Nel 4-3-3 di mister Fracassetti, tu e Claudia siete le mezzali del centrocampo. E’ il ruolo che preferisci ricoprire? Hai sempre giocato in questa posizione?

Lo scorso anno ho giocato sia dietro le punte che larga sulla fascia, quest ultimo un ruolo che non si adatta Mozanica-Rivierabenissimo alle mie caratteristiche. All’Atalanta ho giocato sia mezzala che regista arretrato alla Pirlo. Il ruolo che sento più mio però e quello che sto svolgendo quest anno, cioè mezzala nel centrocampo a tre. Mi agevola sicuramente aver vicino giocatrici di grande qualità, quali sono le mie attuali compagne di reparto.

Chi sono i tuoi giocatori modello?

In assoluto i miei modelli sono Iniesta e Del Piero. Nessuno di noi juventini ha digerito il modo in cui il Capitano è stato allontanato dalla società. Lui prima ancora che un campione era un grande uomo, una vera bandiera. Uno di quei pochi giocatori che va ben oltre la maglia che indossa. Iniesta è il giocatore a cui più mi ispiro per come sa stare in campo. Seguo spesso le partite del Barcellona e lui e Xavi sono una coppia di fenomeni.

Cosa fa Andrea Scarpellini tolta la maglia del Mozzanica?

Ho cambiato di recente lavoro, sono impiegata in una ditta che prepara il service agli eventi, si occupa in pratica di montare gli impianti audio e luci alle manifestazioni come concerti ecc. La mia giornata tipo è composta dalle canoniche otto ore al lavoro, arrivo a casa, preparo la borsa e vado ad allenarmi. Nei ritagli di tempo che avanzano mi dedico un po’ a me stessa, anche solo stando a casa a rilassarmi guardando un film. Adoro qualsiasi tipo di film, specialmente gli Horror e i Triller. Tra gli attori che preferisco Johnny Deep e Jonathan Rhys-Meyers.

Ti piace ascoltare musica?Andrea

Si, ovvio. Quella che preferisco è quella che ti scatena e ti fa ballare, come l’house dance. Ballare mi piace un sacco. Prima di giocare ascolto canzoni come “Animals” di Martin Garrix, canzoni cioè che mi aiutano a caricarmi. Solo da qualche tempo ho iniziato ad ascoltare anche qualcosa d’italiano.

Come ti descriveresti?

Sono una ragazza timida e tranquilla, a cui però piace sfogarsi, in campo e a volte anche fuori. Non sono una musona, cerco di essere il più socievole possibile. Mi è capitato di giocare con ragazze che mi hanno confessato poi, che da avversaria ispiravo il desiderio di picchiarmi, mentre conoscendomi meglio si sono dovute ricredere e questo è ciò che conta.

Saluto la nostra Botticelli che corre ad allenarsi con le compagne. Si avvicina il derby dei derby e il Mozzanica ha bisogno dei capolavori in campo di Andrea Scarpellini.

  • Orario operativo:

    Lunedì - Mercoledì - Venerdì
    dalle 19:00 alle 21:00

  • Indirizzo:

    Via Cavour, 4
    24050 Mozzanica (BG)
  • Telefono:

    0363-321282
  • Fax:

    0363-321282
  • Email:

    info@asdmozzanica.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.